Da novembre 2018 è finalmente operativo il Laboratorio di Stampa Additiva dell'INFN DIAM.

Con la dotazione di due macchine per produzione additiva di metalli dell'azienda leader EOS, la Sezione di Padova dell'INFN si fa portabandiera delle applicazioni AM nella ricerca italiana.

Le macchine per la fusione selettiva di polveri metalliche (tecnologia SLM)

 EOS M100                                                                                                                                                                                    e                        EOSINT M280

                                            

installate nel Laboratorio DIAM dell'INFN, assieme a compressore, condizionamento, setacciatori e movimentatori, fanno della Sezione di Padova una delle più fornite realtà di Ricerca in Italia in questo nuovo e promettente settore tecnologico, gettando così le basi per la costituzione di una Rete di collaborazione nazionale fra enti ed imprese, al fianco degli altri Laboratori INFN (come, ad esempio LNGS) su tutto il territorio nazionale che hanno deciso di seguire il medesimo percorso di innovamento, abbaracciando le tecnologie 3D.

 

Ad inaugurare questa nuova fase del percorso, avviato da alcuni anni al DIAM ed ora entrato a pieno regime con l'adozione del parco macchine EOS e dell'avvio dei nuovi Progetti POR-FSE, i tecnologi e gli assegnisti INFN assieme ai tecnici e ai docenti EOS.

 

 

                                                                 

 

 

 

 

 

Il laboratorio di Stampa Additiva DIAM sarà incubatore di ricerca e sviluppo su nuovi materiali, grazie anche all'accordo con il colosso EOS, che ha fornito le due macchine provviste di interfaccia completamente aperta, così da permettere la personalizzazione di tutti i parametri di lavoro.

 

 

 

 

 

 

Il cambio di paradigma rappresentato dalle tenologie additive, soprattutto di metalli, forniscono un suolo fertile per abbinare lo studio delle proprietà dei materiali alle applicazioni in fisica delle alte energie e forniscono un nuovo ambito tecnologico in cui condurre un iter di conoscenza. A tale scopo, l'INFN, come ente di ricerca nazionale mette a disposizione le proprie competenze e attrezzature, anche attraverso collaborazioni, percorsi di alta formazione e ricerca commissionata. Nel segno dell'esplorazione delle nuove frontiere e del conseguimento delle nuove sfide tecnologiche.

 

Go to top