Additive Manufacturing è il nome identificativo di tutta una serie di tecniche e tecnologie di fabbricazione in cui il prodotto finito è formato senza la necessità di fonderne il materiale in stampi né di rimuoverlo da una forma grezza. La natura additiva di questa classe di tecniche - dette appunto di Produzione (o fabbricazione) Additiva (PA)  - rispetto a quelle tradizionali, tipicamente sottrattive, è la caratteristica chiave che conferisce alle AM potenzialità enormi nei più vari campi di applicazione, dall’aerospaziale al biomedico, dal dentale all’oreficeria. La PA consentono una grande libertà nell’ideazione del pezzo, estendendo indefinitamente la gamma di geometrie e complessità realizzabili, rimuovendo vincoli di progettazione e di lavorazione, in un’ottica di prototipazione rapida o di piccole serie. Nelle tecniche AM, il materiale è infatti apportato punto a punto e strato su strato, conformemente al modello originale, analogamente a quanto accade per la stampa digitale di un documento. Proprio da ciò deriva l’ormai popolare accezione di “Stampa 3D”, con la quale viene universalmente identificata l’AM, e che sta portando innovazione  tanto nei processi produttivi su scala commerciale, quanto nelle realizzazioni domestiche.

 
 
 
 
 
 

 

 

 

Additive Manufacturing di metalli: SLM

La gamma di tecnologie PA oggi disponibili è in grado di applicarsi a materiali polimerici (plastiche, resine, biopolimeri,..) come pure a metalli (acciaio, titanio, bronzo, metalli preziosi,..), mediante l’impiego di diversi processi  di deposizione e saldatura delle materie prime.

La tecnologia denominata  Selective Laser Melting, che rappresenta una delle più promettenti nel campo della fabbricazione additiva di prodotti metallici, costituisce l’oggetto principale della nostra ricerca. La tecnica consiste nella fusione punto a punto di un letto di metallo polverizzato, a comporre - strato dopo strato - l’oggetto finito, ed impiega luce laser molto potente e focalizzata.

SLM è attualmente in grado di raggiungere risoluzioni dell’ordine delle decine di µm e densità confrontabili con quelle di parti metalliche prodotte con tecniche convenzionali. Questo tipo di processo permette inoltre di costruire pezzi costituiti da parti mobili, micro-strutture ordinate e cavità interne di qualsiasi ingombro e geometria.

 

 

 

      

Illustrazione del principio di funzionamento della tecnologia SLM                               Esempi di realizzazioni in SLM                     in Acciaio Inox (316L)                                                                                                                    e Bronzo (9010Sn)

 

Go to top